Gentile utente, questo sito utilizza i cookies per migliorare e facilitare la tua esperienza di navigazione e per fornirti servizi ed annunci in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, premendo su Accetta o proseguendo la navigazione all'interno del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le occasioni di convivialità durante le festività, si sa, aumentano. È un piacere ritrovarsi a tavola con familari ed amici ed in quest'atmosfera di relax  e allegria è ancora più facile cedere alle tante e ghiotte tentazioni alimentari. Per  aiutare l'organismo a ritrovare il suo equilibrio ecco una ricetta che ha come protagoniste le lenticchie.

Con il freddo dei mesi invernali aumenta il desiderio di  un dolcino da  concedersi a colazione al mattino, o accompagnato da una tazza di latte o di tè da sorseggiare  magari accoccolati sul divano.

Tradizionalmente la "pitta chjina" veniva preparata contestualmente al pane. Rimane tuttora una delle tipicità della gastronomia calabrese. Risulta una delle proposte più gustose ed è una pietanza ricca.

Curicchi, crespelle, zeppole sono nomi diversi, ma indicano tutti il prodotto di  una ricetta dalla sapienza antica. Pochi ingredienti, facilmente reperibili nell'economia di un tempo, regalano un gusto e un profumo inconfondibili che riportano all'atmosfera del Natale dell'infanzia, alle mani di mamme e nonne che lavoravano per imbandire la tavola con un effluvio di sapori indimenticabili.

Un piatto appetitoso e gustoso è la proposta dello chef  Mario Pignataro. La melanzana è uno degli ortaggi tipici dell'estate. Non stupisce pertanto come connoti fortemente anche i piatti proposti in questa stagione.

Ha il gusto tipico della cucina tradizionale, questo piatto che esalta e lega il sapore di diverse verdure. Non è un piatto leggero, ma ci dona la riscoperta di un sapore antico.