Gentile utente, questo sito utilizza i cookies per migliorare e facilitare la tua esperienza di navigazione e per fornirti servizi ed annunci in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, premendo su Accetta o proseguendo la navigazione all'interno del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Quarantasei giorni tanto è durato l’appassionante viaggio della Winged Victory e del team bresciano, composto da Dennis Pesci e Valerio Bocelli, nell’edizione 2019 del Mongol Rally, la più grande e pazza avventura del mondo.

La Winged Victory ha varcato il traguardo dell'edizione 2019 del Mongol Rally, la più grande avventura del mondo, come viene definita. Il team bresciano, composto da Dennis Pesci e Valerio Bocelli è giunto in Russia, a Ulan Ude, nella provincia della Siberia.

Si fa sempre più avvincente il viaggio della Winged Victory e il traguardo Ulan Ude, in Siberia, sempre più vicino. Paesaggi spettacolari,  le difficoltà da superare su percorsi dissestati o assenti, le vette da raggiungere con cautela e prudenza tra le montagne, le attese ai varchi delle fontiere.

Dopo il momento esaltante dell’arrivo nel Mongol Rally edizione 2019, i piloti della Winged Victory sono chiamati ad un’altra prova impegnativa:  il rientro, solcando le strade della Russia.

Trentaquattresimo giorno di viaggio per la Winged Victory che ieri è entrata  in Mongolia, dopo una notte di guida sotto la pioggia per arrivare in tempo alla frontiera. Ad accogliere  i piloti, Dennis Pesci e Valerio Bocelli,  una temperatura di appena 5 gradi.

Ventiquattresimo  giorno di viaggio.  Il team del Winged Victory si trova in Uzbekistan.    Bulungur è stata la terza città ad essere visitata in questa nazione dopo Bukhara dichiarata, nel 1993, dall'Unesco, "patrimonio dell'Umanità" e Samarcanda, tappa dell'antica Via della Seta che dal Mediterraneo conduceva in Cina.